Trieste – La città dei venti


Veit Heinichen e Ami Scabar

Titolo Originale
Triest. Stadt der Winde

Data di uscita
2005 Sanssouci

Casa editrice
e/o, Roma

Pubblicazione
2010


Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti. Che si tratti di bora, libeccio, scirocco o maestrale, tutti questi venti hanno contribuito a portare da ogni punto cardinale le più diverse tradizioni culinarie e culturali nella città portuale italiana. Nelle vigne sul Carso affacciate sulla città, nelle saline e nei villaggi di pescatori sull’Adriatico o nel corso di passeggiate sulle tracce di Svevo, Rilke e Joyce, Veit Heinichen e Ami Scabar ci invitano a scoprire attraverso tutti i sensi.


"Un viaggio tutto fisico dentro Trieste e i suoi dintorni oggi, alla ricerca dei sapori dalle molteplici provenienze che sempre a una Babele conducono, ma sita da Tavola. Cucina mediterranea e d’entroterra, da clima caldo e da clima freddo, raccontando storie contestuali senza smettere di masticare e di sorseggiare. E per ogni piatto la giusta ricetta. Anche raschiando pentole e svuotando bicchieri ci si può avvicinare all’anima di una città"
Sole24ore
"Forse non c’è modo migliore per capire un posto, una città"
La Stampa

Leave a Reply